In Borneo tra le Proboscis monkey, le straordinarie scimmie con la proboscide

Proboscis monkey

Un esemplare maschio adulto di Proboscis monkey

Nel Sud Est asiatico esiste una scimmia con la proboscide come quella degli elefanti. No, non è l’ultima trovata cinematografica presa dal film cult degli anni Ottanta “The elephant man”. Questo straordinario mammifero esiste veramente. E’ la Proboscis monkey che vive nella foresta pluviale del Borneo. Una scimmia che, nonostante sia una specie in pericolo d’estinzione, si può ancora ammirare nel suo habitat naturale. Chi ha, infatti, in programma un viaggio nel Borneo malese, con l’obbiettivo di vedere da vicino i più famosi Oranghi, non può perdersi un incontro ravvicinato con questo mammifero e il suo particolarissimo naso.

La Proboscis Monkey,vive nella regione Del Sabah e, in particolare, nella zona del Sandakan. A pochi chilometri dall’omonimo capoluogo della provincia malese sorge, infatti, il “Labuk bay Sanctuary”. Il santuario accoglie per pochi Ringgit centinaia di visitatori al giorno per un tour completo della zona in cui vivono le scimmie. L’esperienza è straordinaria. Innanzitutto ci si può immergere completamente nella foresta pluviale percorrendo comodi camminamenti in legno.  (La passeggiata da sola vale il prezzo dell’ingresso).

Durante il tour a piedi poi, le guide del santuario, fermano i visitatori su alcune piattaforme di osservazione dove, dopo pochi istanti, spuntano decine di questi straordinari mammiferi. I maschi adulti, che raggiungono dimensioni simili a quelle umane, oltre ad avere un’espressione stupefacente sul volto, sono caratterizzati da loro particolare e buffo naso. La “proboscide” in alcuni casi può raggiungere anche i 17 centimetri di lunghezza. Decisamente meno pronunciata, invece,  è quella degli esemplari femmina dotatre, neanche a farlo apposta, di un nasino “alla francese”.

Proboscis monkey

Il momento del pasto distribuito dai ranger del santuario delle scimmie dalla proboscide

Inoltre, questa particolare scimmia, al contrario del “cugino” Orango, non è affatto afflitta dalla sindrome da macchina fotografica. I proboscis monkey, si prestano volentieri all’obbiettivo anche del turista meno esperto di fotografia e, se si ha la fortuna di visitare il centro negli orari in cui viene distribuito il cibo ai mammiferi, le scimmie resteranno in zona per diversi minuti. Non è raro poi, tornando per i camminamenti verso l’edificio centrale del santuario, incontrare alcuni esemplari, anche di dimensione ragguardevole, in fase di siesta a lato del camminamento.IMG_7021

Non è finita, durante il tour, non si potrà non fare amicizia con gli invadenti macachi che girano per il santuario e si divertono a saltare sugli zaini dei visitatori. Per chi è intenzionato a tornare al centro il giorno successivo o unire la visita del “Labuk bay” a quella del “Sepilok urangutan rehabilitation center”, il santuario degli Oranghi, il miglior posto dove pernottare a poco prezzo e godersi un’esperienza nella foresta pluviale è il Paganakandii resort.

 

1 Comment on "In Borneo tra le Proboscis monkey, le straordinarie scimmie con la proboscide"

  1. Brawo. Gratulacje dla autora

Leave a comment

Your email address will not be published.


*