Queenstown, capitale dello sci nel Sud del mondo

Sci e snowboard per quattro mesi l’anno, outdoor e sport estremi, meraviglie naturali incredibili, relax e divertimento sfrenato… Cultura, artigianato e, infine, cornice di alcune importanti produzioni cinematografiche holliwoodiane, tra cui il Signore degli anelli. E’ Queenstown, la “cittadina delle regine”, capitale dello sci e degli sport invernali dell’emisfero australe del mondo. Queenstown si trova in Nuova Zelanda, agli antipodi di quasi-tutto e soprattutto del vecchio occidente europeo. Sono stato a Queenstown a luglio per trascorrere una settimana di sci e divertimento e per scoprire per la prima volta questa stupenda terra ancora dominata dalla natura e dai suoi ritmi. (leggi: sciare in Nuova Zelanda).Queenstown (10)

Le montagne dei Kiwi

Queenstown è una cittadina di circa 13mila abitanti ubicata nell’isola Sud della Nuova Zelanda, precisamente nella regione del Otago, nel Sud Ovest dell’isola. Sorge sulle sponde del grande lago Whakatipo, zona già conosciuta dalle antiche popolazioni Maori della zona. Venne fondata dagli inglesi come città mineraria nella seconda metà dell’Ottocento a causa della scoperta di un certo quantitativo di oro nei suoi d’intorni. La vocazione odierna della cittadina è quella del turismo e, soprattutto, degli sport invernali.

Queenstown (2)La Nuova Zelanda, infatti, è il Paese che raggruppa le maggiori stazioni sciistiche dell’emisfero Sud (data soprattutto la sua latitudine particolare) e, Queenstown è il punto di maggiore attrazione tra le stazioni sciistiche della terra dei Kiwi. Questo nonostante non sia direttamente ubicata in montagna e la neve in città non cada quasi mai. Scordatevi quindi, di arrivare in hotel o nel vostro appartamento con gli sci ai piedi dopo una stupenda giornata sulla neve come si fa in tante località italiane e europee. Ma, tutto sommato, non importa perché il fascino di Queenstown sta soprattutto nel fatto di essere una cittadina di montagna affacciata sull’acqua.

Queenstown: un concentrato di divertimento

Queenstown è sede di decine e decine di attrazioni turistiche diverse quasi tutte incentrate sullo sport e sull’outdoor. Wikipedia la indica addirittura come sede, nel 2012, di ben 200 attrattive turistiche diverse: dallo sci allo snowboard, dal jet-ski a punto di partenza per decine di meravigliose escursioni a piedi di più giorni nel territorio selvaggio della Nuova Zelanda. Nz-queenstownA Queenstown c’è addirittura quello che fine a qualche anno fa era il punto più alto del mondo dove poter praticare il Bungee jumping (ora si trova in Colorado, negli Stati Uniti).

Il centro cittadino è grazioso e tutto è stato realizzato a misura di viaggiatore. Gli edifici sono per lo più in stile coloniale che decorazioni in legno che conferiscono soprattutto al “centro storico” un clima da stazione sciistica europea. Ci sono decine e decine di ristoranti che servono piatti delle cucine di tutto il mondo. Ci sono bar, discoteche, caffetterie, negozi, agenzie del turismo e, soprattutto, alberghi, alberghetti, pensioni e ostelli. Queenstown (1)C’è solo l’imbarazzo della scelta. Il suo centro si affaccia sul lago e su uno splendido parco cittadino incastonato in una grande pineta che dona alla cittadina una certa somiglianza con i paesaggi da cartolina del Canada.

Quattro aree per lo sci

La città è poi circondata dalle montagne dove si pratica, appunto, lo sci. La stagione sciistica è lunga quasi come quella europea ma, ovviamente, trovandosi nell’emisfero australe è invertita rispetto all’Italia. La neve comincia a cadere a giugno e gli impianti di risalita di solito aprono alla fine del mese. Il picco stagionale si ha poi ad agosto ma la stagione si protrae poi fino all’inizio di ottobre.

A circa mezz’ora di auto dal centro di Queenstown c’è il resort sciistico più famoso della Nuova Zelanda: Coronet Peak. L’altra stazione sciistica nelle immediate vicinanze è, invece, “The Remarkables”. Gli appassionati che invece si vogliono spingere un po’ più lontano possono sciare anche sulle piste di Cardrona o di Treble Cone, altre due rinomate stazioni sciistiche, dove si pratica anche tanto fuoripista. I due resort non si trovano sopra Queenstown ma sono sufficientemente vicini da poter essere raggiunti in giornata con sufficiente tempo da trascorre con gli sci ai piedi.

Andare in Nuova Zelanda

Raggiungere, invece, Queenstown non è di certo uno scherzo se si parte dall’Europa. La capitale dello sci Neozelandese è dotata di un piccolo aeroporto internazionale che accoglie decine di migliaia di turisti ogni anno per lo più provenienti dalla Nuova Zelanda e soprattutto dall’Australia (Queenstown è a sole 3 ore di volo da Sydney). Dall’Europa, invece, il viaggio è ovviamente lunghissimo: non meno di 29 ore di aereo con diversi scali (di sicuro in Australia, più un altro scalo in Asia o in Medio oriente a seconda della compagnia aerea).

Il fuso orario è di più dodici ore rispetto all’Italia.

Queenstown (7)Il costo, quindi, di una vacanza sugli sci in Nuova Zelanda è piuttosto alto. Occorrono non meno di 1.600/1.800 euro per il volo dall’Italia, più la permanenza a Queenstown (qui i prezzi ovviamente variano). Anche il prezzo dello skipass in Nuova Zelanda non è uno scherzo: 65 euro circa al giorno.Queenstown (9)

Queenstown e i dintorni sono stati resi celebri anche per essere stati scelti per i set di numerose produzioni cinematografiche come “The Rescue”, “X-men origins: Wolverine” e “Willow”. Soprattutto, Queenstown è stata coinvolta nella gigantesca produzione della trilogia del Signore degli Anelli interamente girata in Nuova Zelanda. Nella zona sono state, infatti girate alcune scene del film “La compagnia dell’anello” tra cui la morte di Boromir, il momento in cui l’elfo Arwen (Liv Tyler) salva Frodo dai cavalieri neri sollevando le acque del fiume o, ancora, la mitica scena in cui la compagnia dell’anello naviga sul fiume Anduin e incontra le grandi statue dei re degli uomini, gli Argonath.

Be the first to comment on "Queenstown, capitale dello sci nel Sud del mondo"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*