In Nuova Zelanda sul set del Signore degli anelli

In Nuova Zelanda per ripercorrere passo dopo passo le avventure fantastiche narrate nel Signore degli anelli.

Immaginate di sgattaiolare dentro la casa di Bilbo Baggins e di rovistare nella sua credenza. Di passeggiare per i giardini di Isengard e per i boschi di Lothlorien. O di esplorare le lande desolate di Mordor e di salire sul monte Fato.

Chi è appassionato di racconti fantasy dovrebbe andare in Nuova Zelanda almeno una volta nella vita. Non solo perché la terra dei Maori è un paradiso naturalistico, ma anche perché la Nuova Zelanda è da anni ufficialmente riconosciuta come la “Terra di mezzo”. Sì, il mondo fantastico immaginato da Tolkien in cui si svolge l’eterna lotta tra il bene e il male si trova dall’altra parte del mondo, in Oceania.1280px-wlg_airport_gollum

La trilogia cinematografica del Signore degli anelli

La Nuova Zelanda è stata il set della trasposizione cinematografica del Signore degli anelli (e dello Hobbit). Peter Jackson, regista neozelandese pensò che il suo Paese fosse il più indicato a mettere su pellicola i racconti di Tolkien a causa della particolare conformazione del territorio. La Nuova Zelanda è, infatti, ricca di grandi paesaggi incontaminati dove i segni della civiltà moderna sono spesso assenti. Il risultato, come tutti possono riconoscere, è stato straordinario.

Per la realizzazione della trilogia del Signore degli anelli sono stati necessari otto anni di lavorazione che hanno coinvolto molta della popolazione della Nuova Zelanda. Oggi, dopo oltre dieci anni, quasi tutti i set cinematografici non ci sono più. Restano, invece, tutte le straordinarie location naturali dove vennero girati i tre film.

hard-to-shoot-movie-scenes-lord-rings

Così in Nuova Zelanda esiste un vero e proprio filone del turismo naturalistico che si ispira al Signore degli anelli. Migliaia di persone ogni anno rifanno i percorsi fantastici compiuti dai protagonisti della trilogia ripercorrendo le avventure di Frodo e Sam, di Aragorn e Gandalf. E’ un’esperienza adatta soprattutto a chi dei film e del romanzo ha fatto un proprio culto, ma è adatta anche a chi è amante della natura e dell’escursionismo.

Viaggio saggio nella Terra di Mezzo

Ci sono decine di location dislocate per tutto il territorio delle due isole principali della Nuova Zelanda e per visitarle tutte occorre un viaggio di almeno un mese. Le più importanti sono senz’altro tre: Hobbiville, Mordor, Lothlorien e le location attorno a Wellington e Queenstown.

Il viaggio nella “Terra di mezzo” comincia dall’isola Nord, quella in cui sono state girate più scene dei film. Si parte da Auckland, la città più grande della Nuova Zelanda (A Nord dell’isola) dove con buona probabilità atterrerà chiunque arrivi in aereo dall’Italia.

Si procede quindi verso Sud per tutta la lunghezza dell’isola. Ad un centinaio di chilometri a Sud-Ovest di Auckland c’è Port Waikato, piccola cittadina turistica alla foce dell’omonimo fiume. Da qui, ad una ventina di km a Sud, c’è Amon Sul, (Colle vento) il colle dove Frodo viene pugnalato dal re dei cavalieri neri. La fortezza diroccata faceva parte del set e non esiste più, ma c’è lo stupefacente colle immerso nella natura.

Hobbiville

1280px-en-hobbiton-matamata-nz-attribution-share-alike25Proseguendo verso Sud nella provincia di Waitako, c’è Hobbiville (Hobbiton nel romanzo in lingua inglese). Il set cinematografico del villaggio degli Hobbit è stato interamente conservato ed è diventato una grande attrazione turistica nazionale. C’è casa Baggins e ci sono le altre tipiche abitazioni Hobbit da visitare. Si può cenare nella radura della Contea, sotto i tendoni della festa di compleanno di Bilbo è c’è perfino il Drago Verde, la taverna di Lungacque dove rilassarsi con una tipica birra Hobbit. A Hobbiton ci si può perfino sposare e organizzare un ricevimento di nozze fantasy, tra le scenografie del set del Signore degli Anelli. Dopo la visita ci si può riposare alloggiando in una delle fattorie che punteggiano il paesaggio di campagna attorno alla località del set. (Clicca qui)

hobbit

Mordor

Al centro dell’isola Nord della Nuova Zelanda c’è Mordor, il regno di Sauron l’oscuro signore. Mordor si trova nel cuore del Tongariro national park, il parco nazionale più famoso della Nuova Zelanda. Il territorio del parco delimita i margini di tre dei maggiori vulcani del Paese: Tongariro, Ngauruohe e Ruapehu. Il vulcano Ruapehu, ancora attivo, è il più alto ed è stato utilizzato come set per tutte le scene della trilogia. il Ngauruohe è stato invece, preso per le riprese del monte Fato.

Il signore degli anelli

Il Signore degli anelli - Mordor

La zona è comunque visitata ogni anno da quasi tutti i turisti che si recano in Nuova Zelanda, non solo da chi è in cerca dei luoghi mitici raccontati nel Signore degli Anelli.

Qui, infatti, c’è il Tongariro alpine crossing, il trekking più famoso del Paese che si snoda per i tre vulcani. Non solo, Mordor è anche la sede del rinomato centro sciistico di Whakapapa, uno dei più famosi dell’emisfero Sud del mondo. Sì, a Mordor si scia!! Immaginatevi con gli sci ai piedi scendere da un pendio e vedere il panorama della pianura dove Isildur staccò l’anello dal dito di Sauron… Sono paesaggi che stuzzicano l’immaginario degli appassionati della trilogia. A Mordor c’è anche la location utilizzata per la battaglia dell’ultima alleanza. Sembra proprio di essere nel regno oscuro della Terra di Mezzo immaginato da Tolkien. Ma ad onor del vero è noto che Tolkien si ispirò al vulcano Stromboli come spunto per Mordor e per il monte Fato.

Più a Sud, sempre nel Tongariro national park a Nord della località di Ohakune, c’è L’Ithilien, la regione di Gondor attraversata dai raminghi. Qui si trova la location in cui è stata girata la scena di Gollum che cattura un pesce. (Prima di essere lui stesso catturato da Faramir).

Verso la capitale della Nuova Zelanda

Si Prosegue verso Sud, lungo la State Highway n.1 in direzione della capitale Wellington. Tra Taihape e Utiku, c’è il Mokay Gravity Canyon, sito molto famoso per il Bunjy Jump posto sul Rangitikei river. Il fiume e il canyon sono stati utilizzati in alcune scene dei film che riprendono il corso del grande fiume Anduin.

Waitarere Forest e Otaki Gorge

Percorrendo sempre la strada n.°1 direzione Sud/Ovest si arriva alla Kapiti coast. La grande foresta alle spalle di Waitarere beach è stata il set di numerose scene. Dalla sequenza di Arwen che cammina tra gli alberi, al congedo di Frodo, Sam e Smeagol da Faramir, alla foresta di Osgiliath. Una 50ina di chilometri più a Sud c’è, invece, la cittadina di Otaki e la Otaki gorge road. Il punto è stato utilizzato per la scena in cui Gandalf mette Frodo e Sam sulla strada per Rinvendell lasciando la Contea.

Wellington e d’intorni

Wellington, capitale della Nuova Zelanda, e i d’intorni meritano una sosta più prolungata. Questa è, infatti, la città dove è nata la trilogia cinematografica del Signore degli Anelli. Qui l’Anello, Frodo, Gandalf e gli altri personaggi sono sempre vivi nella quotidianità di tutti ed ogni libreria e molti negozi mostrano in vetrina oggetti, ninnoli e quant’altro ispirati ai romanzi di Tolkien.

putangirua_pinnacles_new_zealand_5

In città la tappa obbligata è, però, sicuramente alla sede della Weta, la casa di produzione di effetti speciali famosa nel mondo che realizza moltissime delle scenografie e dei mostri utilizzati a Holliwood. Naturalmente, la punta di diamante della compagnia sono le scenografie e i mostri realizzati per la saga dell’Anello. Alla Weta c’è la Weta cave, il museo con tutta l’oggettistica della Trilogia e dello Hobbit. Da non perdere poi l’escursione al Mount Victoria, la collina su cui è adagiata la capitale. C’è un interessantissimo trekking (facile) che si immerge nella location cinematografica della Contea. Qui è stata girata la famosa scena in cui Frodo e i suoi compagni di viaggio si nascondono dal cavaliere nero Nazgul nel primo film della trilogia.

Altri luoghi interessanti intorno a Wellington sono Harcourt park nella cittadina di Upper Hut, in cui sono state girate le scene dei giardini di Isengard e l’Hutt river, altra location per il fiume Anduin.

Lothlòrien

Ad una sessantina chilometri da Wellington c’è la cittadina di Featherstone Lì sorge la storica casa di Fernside. La casa creata nel 1924 è un interessante pezzo di storia della Nuova Zelanda, quello che conta in questo caso, però, sono i giardini. L’area che circonda la proprietà è così curata da essere stata presa da Peter Jackson per le riprese di Lothlòrien, il regno di Galadrien. Parte delle scenografie del regno sono le costruzioni originali del giardino. (Su tutte il ponte e il patio). Nel lago Wairirapa, invece, sono state girate le scene iniziali del Ritorno del re, quando Smeagol uccide Deagol per impossessarsi dell’Anello.1280px-hobbiton

Per visitare Fernside è necessario partecipare ad uno dei tour organizzati da alcune agenzie di Wellington che offrono pacchetti viaggio a tema del Signore degli Anelli. Due delle più importanti sono la Roverringtours e la Flatearth.

Nella regione di Wairirapa (a Nord Est di Wellington) c’è anche una delle formazioni rocciose naturali più spettacolari del Paese. Si tratta dei Puntagirua Pinnacles, pinnacoli di roccia alti oltre 30 metri. E’ una location perfetta per la Dimholt road, la stretta vallata in fondo alla quale si trova la Porta nera. E’ la strada percorsa da Aragorn, Gimli e Legolas in cerca degli spiriti maledetti che li aiuteranno nella battaglia di Minas Tirith.

Ad una mezz’ora di auto Featherstone, infine, c’è il Kaitoke regional park, un altro degli stupendi parchi della nuova Zelanda. L’area è stata utilizzata come set per Gran Burrone (Rivendell).

L’avventura del Signore degli Anelli continua nell’isola Sud: Clicca qui.

 

 

 

Be the first to comment on "In Nuova Zelanda sul set del Signore degli anelli"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*