Vivid Sydney: il più bel festival di luci, musica e idee

Opera House - James Horan/Destination NSW

L’Opera House, l’Harbour Bridge, i giardini botanici e perfino lo zoo. Si sono accesi lo scorso fine settimana i riflettori di Vivid Sydney, la ventesima edizione della magica manifestazione di luci, suoni e colori che da due decenni fa brillare l’iconica città dell’Australia. Chi nelle prossime settimane ha in programma un viaggio dall’altra parte del mondo potrà aggiungere un’ulteriore magia alla propria avventura da sogno nella terra dei canguri. Dal 27 maggio, infatti, tutta la “City” di Sydney (e non solo) si è trasformata in uno scenario da favola con giochi di luci e ombre, proiezioni  magiche sugli edifici, realtà virtuale, spettacoli e tanta musica.

L’Australia come non l’avete mai vista…

Vivid Sydney 2016, opening night, Clr Quay, Harbour Lights. 27/5/2016 Photo credit - James Horan/Destination NSW

Clr Quay, Harbour Lights – James Horan/Destination NSW

L’edizione 2016 della manifestazione è ricca come non lo è mai stata in Australia e nel resto del mondo. Sono più di ottanta, infatti, le installazioni realizzate da una trentina di artisti internazionali. Da quelle tradizionalissime come le immagini multicolori proiettate sull’Opera House, il simbolo della città nel mondo, alle nuove di zecca come il tunnel di luci e gli altri spazi luminosi allestiti nei giardini botanici della città.

A sovrastare le installazioni principali, che si snodano nei punti maggiori del centro della città, c’è quella allestita sull’Harbour Bridge, il mitico ponte di Sydney da dove la notte di San Silvestro viene annunciato l’arrivo del nuovo anno con il magnifico spettacolo di fuochi d’artificio. Quest’anno poi la manifestazione si è allargata ancora di più varcando i confini del centro città fino ad arrivare al “Taronga zoo”, la casa australiana degli animali dell’outback e dell’emisfero australe del globo. Il 2016, infatti, è l’anno che segna anche il centenario della fondazione dello zoo incastonato come un gioiello a Nord della baia di Sydney.

Vivid Sydney 2016, opening night. 27/5/2016 Photo credit - James Horan/Destination NSW

Vivid Sydney 2016 – James Horan/Destination NSW

Allo zoo, sono stati realizzati alcune grandi installazioni, una sorta di sculture di luci, rappresentanti dieci delle specie di animali a rischio di estinzione che vivono nell’emisfero australe tra cui: la tartaruga marina, l’ornitorinco, il rinoceronte e la tigre di Sumatra, l’elefante asiatico, il formichiere squamato e il Greater Bilby, un “bandicoot” della famiglia dei marsupiali (simile ad un grosso topo con il muso allungato).

Vivid Sydney, non solo luci

Ma “Vivid Sydney”, non è solo il festival delle luci. Come ogni anno la manifestazione prevede decine di eventi culturali e diverse attrazioni per il pubblico che fanno da contorno e sono protagoniste dei percorsi di luci allestiti per i visitatori. Tra queste svettano gli appuntamenti musicali con concerti di musica classica, pop, folk e numerosi Dj set con star internazionali. Ospite d’eccezione è la star inglese degli anni Ottanta Boy George. Il 12 giugno si esibisce in un dj set pomeridiano al “Cafe del Mar” di Sydney, uno dei locali più trendy della città che strizza l’occhio al suo celebre omonimo di Ibiza. Durante il Vivid Sydney si esibiscono anche 8 artisti di etnia aborigena. Insomma, è un’esperienza da non perdere per tutti quelli che si trovano agli antipodi. Il festival, cominciato il 27 maggio, termina il 18 giugno (vai al sito di Vivid Sydney 2016).

Vivid Sydney 2016, Clr Quay,Customs House, Sydney's Hidden Stories. Photo credt - James Horan / Destination NSW

Clr Quay,Customs House – James Horan / Destination NSW

 

 

Be the first to comment on "Vivid Sydney: il più bel festival di luci, musica e idee"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*